23 aprile 2017

Blogtour • Nel profondo della foresta

Nel profondo della foresta di Holly Black
Casa editrice: Mondadori
Genere: Fantasy - Fiaba
Collana: Chrysalide
Pagine: 252
Formato: Cartonato con sovraccoperta
Prezzo: 18 euro
Data di uscita: 11 aprile 2017

Trama

Nel profondo della foresta c'era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra. Dentro vi riposava un ragazzo con corna in testa e orecchie affilate come coltelli... Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte. Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato. Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai. Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade...sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città. Fiaba moderna dalle sfumatura dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l'hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.

● 

Eccomi per la sesta tappa del BlogTour dedicato allo splendido romando di Holly Black, "Nel profondo della foresta".
Oggi vi propongo alcuni estratti che ho trovato particolarmente significativi di questa lettura e vi invito a proseguire il Tour con l'ultima tappa domani!

● 


"Oltre un sentiero che si addentrava nella nuda foresta, oltre un ruscello e un tronco cavo brulicante di onischi e termiti, c'era una bara di vetro. Giaceva sulla nuda terra e dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e delle orecchie affilate come coltelli. Per quel che ne sapeva Hazel Evans, da quello che le avevano detto i suoi genitori, e i genitori dei suoi genitori, il ragazzo era lì da sempre. E per quanto avessero provato, non si era mai più svegliato".

● 

"Quando fu in camera sua, si inginocchiò e tirò fuori un vecchio tronco da sotto il letto. Il legno era crepato e deformato in alcuni punti. Quando era molto piccola, Ben ci si nascondeva dentro e faceva finta di essere Dracula o il principe nella bara. E quando era ancora più piccola, la mamma le aveva messo i giocattoli e i lenzuoli dentro. Adesso era diventato il suo porta spada, oltre a custodire i suoi ricordi d'infanzia: i suoi sassi preferiti con pezzi di mica brillante che aveva trovato passeggiando nella foresta; l'origami a forma di rana che Jack le aveva fatto con la stagnola del chewing-gum; il vecchio mantello da Robin Hood raffazzonato con del velluto verde e una collana di margherite essiccate che non osava toccare tanto era delicata. Quando scoperchiò il tronco si aspettava di trovare quei cimeli. Voleva prendere la sua spada dipinta di nero e infilarla fra il materasso e la rete.
Ma la spada non c'era più".

● 

"Si piegò per raccoglierla e vide che era legata con dello spago. Con le dita tremanti disfò lo spago. Dentro c'era un altro rotolino di carta. Lo svolse e ci trovò un nuovo messaggio nella solita calligrafia scarabocchiata: "Luna piena all'imbrunire, meglio andarsene a dormire"".






2 commenti:

 

Bookitipy 1 Template by Ipietoon Cute Blog Design