29 aprile 2017

Recensione • La parola alla difesa

La parola alla difesa di Agatha Christie
Casa editrice: Mondadori
Genere: Giallo
Collana: Oscar Scrittori Moderni
Pagine: 218
Formato: Brossura
Prezzo: 9,50 euro

Trama

Una giovane donna, Elinor Carlisle, siede sul banco degli imputati, accusata di omicidio. Elinor ha un movente: la vittima, Mary Gerrard, dama di compagnia di una sua anziana e ricca zia, le aveva infatti sottratto una consistente eredità; inoltre l'omicidio, per avvelenamento da morfina, era avvenuto durante una colazione alla quale avevano partecipato solo la vittima, Elinor e una vecchia, irreprensibile infermiera. Tutti sono convinti della sua colpevolezza, tutti tranne Poirot che riesce a risolvere il complicato puzzle giungendo ad una ricostruzione veramente inaspettata del caso.


Inizia un nuovo weekend lungo all'insegna del riposo. Anche se le giornate sono fredde e più polari che primaverili una pausa è sempre bene accetta!
Iniziamo dunque questi tre giorni con una recensione all'insegna del giallo classico.
Ovviamente parlo della regina del genere, la mia amata Agatha Christie!
Prima di iniziare vi segnalo il sito ufficiale in inglese che io trovo davvero curato dove, per gli appassionati come me, si trovano tutti i libri da lei pubblicati: Agatha Christie.
"Parola alla difesa" ha una struttura particolare, diversa dai romanzi della scrittrice inglese a cui siamo abituati. Inizia infatti descrivendoci la protagonista, Elinor, in tribunale perchè accusata dell'omicidio della giovane Mary Gerrard.
I capitoli successivi invece sono un ritorno al passato, circostanza utile per comprendere gli avvenimenti che vedono Elinor imputata di omicidio.
Quasi a metà del romanzo ritroveremo il nostro amato Poirot, baffetti e battute alla francese annessi. L'investigatore belga sarà qui chiamato a tentare di scagionare Elinor e dunque a salvarla da una possibile impiccagione.
Il romanzo mi è piaciuto, come sempre incespico nella risoluzione del caso e nel capire prima di Poirot chi è l'assassino.
Le parole della Christie mi colpiscono sempre. Nella sua narrazione la semplicità fa da padrona, ma, allo stesso tempo, la minuziosa descrizione dei protagonisti non può non trascinarti di forza nella vicenda.




0 commenti:

Posta un commento

 

Bookitipy 1 Template by Ipietoon Cute Blog Design